OS 3 – Emergenza

Home / OS 3 – Emergenza

 

OBIETTIVO STRATEGICO 3

EMERGENZA

Delegato Tecnico: Riccardo Baro

Email: sol.selvazzanodentro@cri.it

Vice Delegato Tecnico: Mauro Lo Castro

Strategia 2030 Croce Rossa Italia

Rispondere alle situazioni di crisi e di emergenza, aumentare la resilienza delle comunità, puntando sulla prevenzione e la preparazione.

Prepariamo le comunità a calamità naturali e conflitti, garantiamo una risposta efficace e tempestiva durante le emergenze nazionali e internazionali. Siamo ausiliari dei pubblici poteri in campo umanitario e parte del Sistema Nazionale della Protezione Civile. In caso di emergenza forniamo strutture, servizi sanitari e assistenza alla popolazione. Supportiamo le comunità prima, durante e dopo le emergenze.

 

Le attività del Comitato CRI di Selvazzano Dentro

La struttura operativa “Emergenza” del Comitato supporta la gestione delle grandi emergenze a livello comunale ed è predisposta per il supporto sanitario in occasione di grandi eventi pubblici.

È costituita da volontari formati ed addestrati per poter operare in sicurezza in ogni scenario di emergenza come terremoti, alluvioni ed altre calamità.

Nuclei di volontari del Comitato sono stati chiamati ad operare nei soccorsi per gli eventi sismici in Abruzzo nel 2009, in Emilia nel 2012 e in Centro Italia nel 2016, tempesta Vaia 2018; per l’alluvione di Veggiano del 2015. In un passato meno recente, CRI Selvazzano Dentro ha inoltre partecipato alle attività di soccorso messe in atto in occasione dell’alluvione in Umbria del 1993 e Kosovo (Albania).

Formazione e Esercitazioni continue

Il corso OPEM, “Operatore di Attività in Emergenza”, e la maggiore età sono prerequisiti indispensabili per operare nel settore Emergenza CRI a qualsiasi livello.

Il percorso formativo prevede parti teoriche (normativa, organizzazione del Dipartimento di Protezione Civile, preparazione alle missioni) e pratiche (montaggio tende, utilizzo radio) oltre alla conoscenza dei diversi tipi di calamità e dell’organizzazione operativa dei campi d’emergenza.

 

Il superamento del corso OPEM dà accesso a tutti i corsi di specializzazione del settore emergenza (logistica, operatore di sala operativa, telecomunicazioni e altri) che vengono organizzati a livello regionale o nazionale.

 

 

Funzione di Coordinamento: Sala Operativa Locale (SOL)

Il cuore pulsante delle attività in emergenza del Comitato è la Sala Operativa Locale (SOL).

La SOL, con sede presso il Comitato in Via Tasso (Caselle di Selvazzano Dentro) o in via Trieste (Mestrino), coordina e offre supporto in situazioni di emergenza/calamità, oppure per grandi eventi pubblici programmati.

Composta da uno staff preposto, è coordinata e attivata dal Delegato per le attività in Emergenza e lavora in sinergia con il Presidente del Comitato, coordinandosi con la Protezione Civile e le istituzioni territoriali preposte.

La SOL è strutturata in varie postazioni per facilitare lo scambio di informazioni (interne ed esterne) tra gli operatori delle diverse funzioni. Riceve e gestisce le informazioni da parte di Prefettura, Protezione Civile, altre istituzioni e privati cittadini.

Si occupa del dispiegamento di mezzi e volontari, gestisce le turnazioni degli equipaggi, coordina gli eventuali soccorsi speciali e mantiene le comunicazioni tra i volontari impegnati anche tramite la rete radio.

La SOL mantiene costanti contatti con la Sala Operativa Regionale e Nazionale attraverso l’invio di report sullo stato delle attività, sul personale impiegato, sulle criticità in essere sul territorio.

Il personale operante al suo interno segue le indicazioni del metodo Augustus per la gestione dell’emergenza con un componente per attività, per ambito e per funzione diviso per competenze.

In aggiunta, il Comitato di Selvazzano Dentro odv dispone di un mezzo adibito a PCA (Posto di  Comando Avanzato) dotato di tutte le apparecchiature informatiche e di comunicazione atte a diventare una sede staccata della sala operativa stessa, posizionabile in prossimità dell’evento, in modo tale da poter dare informazioni più accurate e tempestive sulla situazione e sulle esigenze che, in un contesto calamitoso, variano in tempi brevissimi.

 

Funzione Sanitaria

Interviene per garantire un efficace e immediato intervento sanitario/salvavita nelle occasioni straordinarie, coordina e offre supporto sanitario attraverso l’azione sul campo del personale operativo (personale sanitario e soccorritori CRI) con l’utilizzo di PPS CRI (Punto Primo Soccorso) ambulanze, attrezzature sanitarie.

Funzione Sociale

Coordina le attività di supporto alla popolazione con beni di prima necessità, supporta il ripristino di servizi sociali/educativi essenziali e di comunità, lavora in sintonia con gli organismi/enti sociali e di volontariato sociale del territorio. Svolge attività di censimento della popolazione e delle esigenze connesse, gestisce i dati ed il loro invio agli organi competenti, avvia il reperimento delle risorse/beni o necessità abitative o di accoglienza temporanea in coordinamento con le strutture di Protezione Civile attivate. Attiva volontari e professionisti per il supporto psicologico delle persone colpite dal disastro e dei volontari impiegati. Promuove la riattivazione della comunità già in fase di emergenza.

Funzione Giovani

La Federazione Internazionale di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa (IFRC) opera per ridurre il rischio di disastri causati dai cambiamenti climatici:

  • rafforza la preparazione e riduce le vulnerabilità delle comunità;
  • promuove azioni che mitigano gli effetti negativi dei cambiamenti climatici e dei rischi;
  • protegge i progetti di sviluppo promossi da tutte le Società Nazionali di Croce Rossa e Mezzaluna Rossa.

Gli operatori DRRCCA (Operatore Riduzione dei Rischi da Disastro e Adattamento ai Cambiamenti Climatici) sono gli operatori che portano avanti questa specifica mission della IFRC.

Il superamento del corso OPEM e la partecipazione al corso specifico sono requisiti fondamentali per diventare Operatore DRRCCA.

Maggiori info alla PAGINA GIOVANI

I Giovani volontari CRI (maggiorenni under 32) collaborano nelle attività in emergenza svolgendo anche attività di peer education (attività di giovani rivolte ai giovani), ludoteche e attività didattiche.

Il Giovane volontario minorenne opera per dare supporto senza essere coinvolto direttamente nel teatro operativo.

Funzione Logistica

Garantisce la disponibilità di mezzi, materiali, approvvigionamenti, movimentazioni nell’ambito dell’emergenza o di grandi eventi pubblici e per l’addestramento del personale. Agisce con efficacia e prontezza coinvolgendo volontari preposti e formati per l’allestimento di campi, predisposizione di magazzini, impianti elettrici per le strutture d’emergenza di CRI.

 

 

Attrezzatura e Mezzi

Il settore emergenza, oltre a prevedere e ad attivarsi in caso di maxi-emergenza, di manifestazioni/grandi eventi, fornisce supporto logistico anche per le attività ordinarie di CRI a livello locale.

Può contare su:

MEZZI (non dedicati solo al settore emergenza): 5

1 furgone:

di base FIAT ducato, attrezzato per l’allestimento ed il trasporto di materiale logistico

1 rimorchio:

SCATTOLINI, allestito per il trasporto di materiale

1 furgone PCA:

(Posto di Comando Avanzato) allestito per permettere di coordinare interventi anche sul campo.

1 ambulanza:

Pronta per dare assistenza sanitaria (trasporti/evacuazione) in caso di calamità

1 pulmino:

Di base Renault, allestito con 7 posti passeggeri più l’autista e pedana per trasporto persone disabili

2 doblò:

Di base FIAT, possono trasportare 4 persone più l’autista.

 

Attrezzatura

 

1 tenda pneumatica 5×5 mt:

Permette di offrire un posto sicuro alla popolazione colpita da calamità. Un luogo dove medicare, visitare o assistere tutti coloro che ne hanno necessità, a seguito di un evento calamitoso o per assistenza sanitaria durante un evento programmato.

 

2 gazebi 6×3 mt e 3×3 mt:

Permette di offrire un primo triage o un luogo di primo accesso alla tenda pneumatica. Può essere allestito anche per la sala operativa o per il coordinamento.

 

Sistemi di illuminazione:

Fari e luci per zone di montaggio e di stazionamento della tenda.

 

1 Gruppo elettrogeno:

Permette il sostentamento elettrico delle svariate utenze, nonché dell’impiantistica necessaria per il funzionamento della tenda.

 

1 Condizionatore per tenda pneumatica:

Permette di rinfrescare l’ambiente interno alla tenda nei caldi estivi.

 

1 Stazione Radio Mobile:

Valigia attrezzata con tutto il materiale per predisporre un ufficio mobile per la sala operativa.

 

Altre attrezzature:

barelle, sedie portantine, spinali, toboga, vanghe, badili, materiale elettrico.